sabato 15 novembre 2008

Ignoranza e Inciviltà


Talvolta i nostri sogni ci appaiono meravigliosi, talaltra siamo più incerti e ci risuona in testa un ritornello : ma chi me lo fa fare ? "

Ebbene di fronte all'ignota mano che ha magistralmente imbrattato la facciata di San Paolo a Ripadarno sono più convinto e certo che l'inciviltà, la "cultura della non cultura" vada combattuta con ogni mezzo ed anche questo Blog spero che tramuti il sogno di pochi, nella realtà di molti!

4 commenti:

Il Templare (Ricerca & Conoscenza) ha detto...

Non ci sono parole. Solo rabbia, tanta rabbia.

I colpevoli li prenderei ad uno ad uno e li castigherei a dovere. Non è solo un insulto al Monumento, alla città di Pisa, ma un insulto alla cultura, all'etica e alla morale.

Mi stringo attorno a tutti i Pisani.

Roberto da Amalfi
Contra hostes fidei semper pugnavit Amalphis

Ale ha detto...

L'inciviltà è la manifestazione più palese della nuova cultura cittadina: "ciò che è mio è sacro, il resto è solo pappa!!!".
Lo stesso autore si è più volte manifestato in Via Roma, sul muro perimetrale dell'Orto Botanico e davanti all'entrata dell'Antico Ospedale Maggiore. Ancora lo ritroviamo lungo la via Aurelia...
Non ho parole per esprimere il mio risentimento. Ho solo voglia di giustizia. Non solo per Pisa, purtroppo questa è solo una micro-realtà, ma voglio una risposta seria e un'intervento da parte delle autorità competenti, prima che diventi una moda.. (nel giro di due anni sono state imbrattate la chiesa della Spina, la Chiesa dei cavalieri di Santo Stefano, la Chiesa di San Michele degli Scalzi, la Cattedrale - due volte negli ultimi 6 mesi, ma prontamente ripulita - e innumerevoli pareti di abitazioni e palazzi, antichi o moderni..)

Sergio Costanzo ha detto...

Posto io la cortese mail che il Prof Franco Cardini mi ha inviato, da me interpellato a riguardo di questo atto infame.

Mi associo alla protesta contro l'ignobile atto vandalico, che dà una
volta di più la misura del livello nel quale sta affondando una parte
della nostra società civile. Credo che una colletta per il ripristino
della facciata e una manifestazione d'omaggio alla grande civiltà pisana
sarebbero una risposta adeguata. Ritrengo si dovrebeb interessare di
ciò la signora Patrizia paoletti tangheroni, vedova del grande storico e
intellettuale Marco Tangheroni e oggi consigliere comunale del comune di
Pisa. Saluti. Franco Cardini

Il Templare (Ricerca & Conoscenza) ha detto...

Salve Sergio,

se posso contribuire anche io alla colletta, ritienimi presente...

Un inchino


Roberto da Amalfi
Contra Hostes Fidei Pugnavit Amalphis